domenica 28 dicembre 2008

John Stanmeyer

Sono sicuro che questo pianeta è l'unico a basarsi su questo principio che rinchiude il sentimento dell'esistenza delle cose nell'individuo, e al tempo stesso obbliga gli esseri a competere tra loro.(...) E' un meccanismo assurdo che ci tiene in ballo; un meccanismo che ha rinchiuso ognuno di noi nel suo io, che ci incita e ci spinge alla competizione reciproca, ci fa danzare come dei folli, un passo a destra, un passo a sinistra, in fondo a un piccolo secchio. E' tutto lì. Se uscissimo dal secchio, fuori troveremmo il luminoso, libero, vasto mondo.(...)
La coscienza dell'io sarebbe molto più diluita, e quella del noi molto più densa.(...)
Perchè le cose funzionano così? Chi ha ideato questo sistema di competizione e l'ha imposto agli esseri che vivono sulla terra?
Siamo stati tutti ingannati.
Ikezawa Natsuki - L'uomo che fece ritorno - pag.204 - 206

Nessun commento: