sabato 27 dicembre 2008

Edward Steichen

Sono diventato un essere trasparente. Ho rinunciato a stare nella rete delle relazioni umane, ad avere la mia funzione in quanto anello della catena e a ricevere la mia ricompensa in cambio di questo. Nei confronti della società, a parte qualche apparizione come forza lavoro anonima in qualche impiego temporaneo, è come se non esistessi. Insomma sono una persona trasparente.(...)
All'inizio pensavo che il mio è il modo di vivere degli erbivori. Che non costruiscono nidi. Mangiano quello che si trova lì intorno man mano che avanzano. Si confondono il più possibile con l'ambiente. Non attirano lo sguardo delle persone con bruschi movimenti improvvisi. Evitano assolutamente di confrontarsi con un animale carnivoro...insomma io sono un erbivoro solitario che si è allontanato dal gruppo.(...)
Eppure io sono una persona completamente terrestre, terrena. Fino a poco tempo fa, la gente era tutta come me. Fino a diecimila anni fa, il cuore era in comunione con le stelle, e quel mondo lontano e la realtà presente coesistevano all'interno dello spirito.
Adesso non ci sono più nè l'uno nè l'altra. ci sono soltanto distanze medie. Le azioni non sono più nè immediate nè remote, c'è solo una realtà ambigua, incompiuta, mendace.

Ikezawa Natsuki - L'uomo che fece ritorno - pag.48 -57

Nessun commento: