domenica 15 aprile 2012


opera di Salvador Dalì

La capacità di autoaccecamento dei genitori è immensa: partendo da una constatazione esatta - la frequenza della magrezza nelle adolescenti - cancellano le circostanze.
La figlia era molto esile per natura, certo: tuttavia, la sua magrezza attuale non era naturale.
Le feste passarono. Plectrude tornò a scuola, con suo grande sollievo.
- A volte ho l'impressione di aver perduto una figlia — disse Denis.
- Sei un egoista ~ protesto Clémence. - Lei è felice.
Si sbagliava due volte. Innanzitutto la ragazza non era felice. E poi l'egoismo del marito era nulla paragonato al suo: lei, che avrebbe voluto fare la ballerina, soddisfaceva quell’ambizione per procura grazie a Plectrude. Poco le importava di sacrificare la salute della figlia a questo ideale. Se qualcuno glielo avesse detto, avrebbe spalancato gli occhi ed esclamato: - Voglio solo la felicità di mia figlia!
E sarebbe stata di una franchezza assoluta.
I genitori non sanno cosa nasconde la loro sincerità.

Amelie Nothombe - Dizionario dei nomi propri - pag.112

Nessun commento: